Cose da chiedere prima di acquistare una casa da ristrutturare a Torino

Cose da chiedere prima di acquistare una casa da ristrutturare a Torino

L’acquisto di un immobile rappresenta sempre un passo importante, e in una città vivace come Torino non è difficile trovare appartamenti, villette o loft in vendita. È sempre bene ricordare come comprare una casa non sia un’azione da intraprendere in maniera casuale: occorre infatti avere le idee chiare su cosa si desidera e disporre di tutti i documenti necessari per essere sicuri che lo spazio abitativo di proprio interesse possa diventare un rifugio confortevole.

In poche parole, bisogna interpellare l’agenzia o il privato che vende l’immobile per essere sicuri che si tratti di una vendita legittima, evitando così spiacevoli sorprese una volta versata la somma (che potrebbe essere anche considerevole). Purtroppo, non sempre è possibile ricordare tutto quello che c’è da chiedere durante la visita di una casa o direttamente al proprietario mentre si stanno svolgendo le trattative, ed è per questo che abbiamo creato una pratica guida con tutto quello da chiedere prima di acquistare una casa da ristrutturare a Torino.

🔸🔸🔸

Informazioni sui certificati e documenti

Per prima cosa è necessario avere la certezza che tutta la documentazione sia in regola, e nel caso sapere quali moduli o permessi vadano rinnovati.

  • Informarsi sulla presenza di eventuali ristrutturazioni: in caso positivo è necessario avere certificati che attestino i lavori.
  • È presente una caldaia? Se sì, chiedere di vedere il libretto di assistenza, dove si potranno anche visionare gli interventi dall’installazione in poi.
  • Conoscere la classe energetica dell’abitazione e farsi consegnare i certificati di conformità di tutti gli impianti.
  • Accertarsi che l’immobile sia conforme dal punto di vista urbanistico con il relativo certificato, compresa la rendita castatale e le planimetrie che devono essere registrate sia al catasto che nel comune di appartenenza.
  • Per la sicurezza è necessario visionare il certificato di agibilità, soprattutto se volete acquistare una casa con più di 40 anni alle spalle per ristrutturarla.

🔸🔸🔸

Le domande da porre ai proprietari

Conoscere chi ha abitato nell’immobile che si vuole acquistare o ristrutturare è molto importante, in quanto potrà fornire informazioni di prima mano anche su eventuali problematiche. Ecco tutte le domande da non dimenticarsi di fare a chi vende:

  • Per quale motivo questo immobile è in vendita? (La più importante)
  • Qual è la spesa media per le bollette di acqua, gas, luce e rete internet? (Se possibile è meglio visionarle in prima persona)
  • Ci sono eventuali ammortamenti ancora in corso? Alcuni interventi sulla caldaia o su porte e finestre possono essere stati compiuti per sfruttare di agevolazioni fiscali, ed è necessario essere sicuri di non trovarsi con pagamenti o rate restanti.

🔸🔸🔸

Domande inerenti al condominio

È sempre bene informarsi anche sulle politiche di condominio se si desidera acquistare un appartamento o un’unità già inserita in un contesto di questo genere.

  • È presente un piano di ammortizzazione del condominio? Questo è pensato per coprire interventi straordinari, ma di norma viene restituito a chi se ne va, e in questo caso tocca al nuovo proprietario versare la cifra richiesta (molto spesso anche centinaia di euro!).
  • Sono in svolgimento dei lavori, o è in progetto l’installazione di ascensore, montascale e altri interventi? Per una maggiore sicurezza è meglio contattare anche l’amministratore del condominio.

🔸🔸🔸

Tutto quello da controllare durante la visita dell’immobile

Fare le domande giuste è fondamentale, ma è ancora più importante osservare in prima persona lo stato della casa che si desidera acquistare. Ecco tutto quello da controllare, magari facendo anche delle foto da esaminare con più tranquillità.

  • Pavimenti e muri: i rivestimenti rappresentano la parte più importante di un’abitazione e non vanno trascurati. Inoltre, potrebbero anche presentare un’estetica superata che va sostituita in caso di ristrutturazione.
  • Infissi: la tipologia e lo stato degli infissi (porte e finestre) sono fattori che possono anche dare informazioni riguardo al vivere in una certa zona. Per esempio, finestre a doppiovetro potrebbero essere state installate per isolare meglio l’immobile dal punto di vista dell’acustica per contrastare il rumore del traffico.
  • Infiltrazioni: a nessuno piace trovare macchie di muffa su muri o pavimenti. Se possibile è meglio controllare anche dietro mobili o decorazioni da parete, che a volte si mettono per coprire eventuali efflorescenze. Allo stesso modo è bene controllare garage, cantine, balconi e terrazzi per crepe o intonaci malmessi.
  • Porta d’ingresso: questa parte rappresenta la barriera fra l’immobile e l’esterno, e per questo motivo dev’essere in buone condizioni e capace di resistere a eventuali urti esterni. Attenzione anche allo stato della serratura e delle giunture, per evitare che si blocchi o che non si apra correttamente.
  • Impianti: se non si ha l’intenzione di rifare tubature, circuiti elettrici e simili è necessario accertarsi di un buono stato del quadro elettrico, dei contatori, delle rubinetterie e dei fornelli a gas (se presenti). 
  • Allacciamenti: le case in città sono di solito ben collegate alla fornitura di acqua, gas ed elettricità, ma se si acquista un immobile da ristrutturare in campagna è meglio verificare che siano presenti gli allacciamenti o che sia comunque possibile realizzarli (importante soprattutto per immobili antichi).

🔸🔸🔸

Verifiche da effettuare

Al di là delle domande e dei controlli ci sono alcune cose che si possono verificare riguardo alla vivibilità della zona o allo stato dell’immobile: ecco quelle più importanti.

  • Immobile: se si dispone di un notaio lo si può incaricare di accertarsi che non ci siano ipoteche o pignoramenti sulla casa che si desidera acquistare.
  • Ristrutturazioni: chiedendo all’ufficio tecnico del comune è possibile capire se ci siano delle difficoltà legate alla ristrutturazione, molto importanti nel caso si voglia acquistare un edificio antico.
  • Lavori e interventi esterni: attraverso il sito del comune o le notizie del luogo si può venire a conoscenza di lavori su strade, svincoli o reti tramviarie che potrebbero peggiorare la vivibilità della zona o, viceversa, offrire un’attrattiva in più.
  • Rete internet: essere collegati col web è un requisito necessario per la scuola o per il lavoro. Per questo occorre controllare la ricezione sia per la rete mobile che per eventuali modem, compresa la copertura per la fibra.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *