Ristrutturazione alloggio Torino: tutto quello che c’è da sapere

Tutte le informazioni riguardanti la ristrutturazione di un alloggio a Torino: preventivi, costi, consigli e suggerimenti.

 

Se volete ristrutturare un alloggio a Torino, allora siete nel posto giusto: in questa guida analizzeremo nel dettaglio tutti i passaggi di una ristrutturazione e affronteremo tutti i punti principali che bisogna considerare prima di dare il via ai lavori.

 

Quando si decide di ristrutturare una casa, è importante assicurarsi di avere tutto sotto controllo. Vediamo quali sono i fattori da valutare, come scegliere l’azienda giusta e qualche suggerimento per contenere i costi senza rinunciare alla qualità.

🔸🔸🔸

Ristrutturazione casa a Torino: che cosa fare

 

Se avete deciso di partire con dei lavori per ristrutturare casa a Torino, la prima cosa che bisogna fare è senza dubbio avere ben chiaro in mente quale sarà l’entità dei lavori. La ristrutturazione infatti è una fase molto importante, e la cosa fondamentale è che alla fine dei lavori il cliente sia soddisfatto, così da poter godere al massimo dei suoi nuovi ambienti rinnovati.

 

Il primo passo, dunque, è capire che tipo di lavoro fa al caso vostro. Dovete mettere mano agli infissi, ai pavimenti, demolire delle pareti o rifare il bagno? In generale il consiglio è di non frammentare i lavori, ma di procedere con tutte le operazioni nello stesso momento: questo infatti, sebbene potrà sembrare più oneroso, nel lungo periodo si tradurrà in un risparmio di tempo e denaro.

 

Una volta stabilità l’entità dei lavori, occorrerà affrontare l’ubicazione della casa. Nella zona del Centro Storico di Torino, ad esempio, tutti i lavori devono per forza integrarsi al contesto degli edifici presenti in quell’area. Proprio per questo il Comune della città ha previsto un Piano Regolatore, preciso e dettagliato e che serve proprio a capire quali sono le autorizzazioni da richiedere per ogni zona.

 

A questo punto, sarà bene tenere presente in base al tipo di lavori quali saranno le procedure. Se ad esempio stiamo decidendo di svolgere dei lavori di manutenzione straordinaria, e che dunque andranno ad impattare sulle superfici interne o esterne dell’immobile, bisognerà per forza produrre la documentazione necessaria per iniziare i lavori. Nel caso invece di lavori di manutenzione ordinaria, come ad esempio cambiare i pavimenti, gli infissi, rifare il bagno o altro, non vi sarà bisogno di alcun permesso o autorizzazione da parte degli enti regolatori, e di conseguenza, di nessun documento.

 

In ogni caso, affidandosi a un’agenzia, voi non dovrete preoccuparvi di nulla. Infatti questa sarà gestita interamente da un professionista, che si occuperà di tutta la questione relativa ai permessi.

 

Successivamente, un’altra questione da non dimenticare sono le detrazioni fiscali. Infatti, grazie alle disposizioni che sono riportare nella Legge di Stabilità, per alcuni interventi particolari di riqualificazione o miglioramento è possibile beneficiare di alcuni detrazioni fiscali. Per avere maggiori informazioni basterà rivolgersi all’azienda che si occuperà dei lavori oppure controllare sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

🔸🔸🔸

Ristrutturazione alloggio Torino: prezzi

 

Qual è il costo di una ristrutturazione di un alloggio a Torino? Siamo arrivati alla domanda fatidica, poiché spesso è proprio questo a frenare un lavoro di ristrutturazione. In realtà esistono dei modi per risparmiare o per calcolare al meglio le proprie spese, e quello migliore è di richiedere più preventivi a diverse aziende. Un buon inizio è confrontare almeno tre preventivi diversi.

 

In questo modo non solo potrete già mettervi in contatto con dei professionisti del settore e comprendere in maniera chiara quali costi dovrete affrontare, ma anche valutare la loro serietà e professionalità, che restano comunque le cose più importanti da tenere presente.

 

Una volta confrontati più preventivi, sarà proprio questo a fare la differenza: non fatevi subito ingolosire da una cifra minore, ma valutate tutti i fattori per intero. In fondo, la cosa importante è assicurarsi che i lavori si svolgano in sicurezza, senza sovraprezzi o altre sorprese, ma soprattutto che alla fine siate soddisfatti e che il risultato sia in linea con le vostre aspettative. Per questo il consiglio e di non fare scelte affrettate: non sempre il preventivo più basso è quello davvero più conveniente.

 

Per ottenere un preventivo, dovrete prima richiedere un sopralluogo. In questa fase un professionista si recherà presso casa vostra e valuterà la situazione. Assicuratevi di spiegare bene tutte le vostre esigenze, e richiedere fin da subito la massima trasparenza, così da evitare che durante i lavori vi siano sorprese, come ad esempio costi aggiuntivi.

 

In seguito, toccherà a voi scegliere la migliore azienda a cui affidarvi. Questa penserà a tutto, dalla scelta dei materiali all’organizzazione del cantiere, e voi non dovrete far altro che godervi l’attesa della vostra nuova casa.

 

Ora che vi siete convinti che è arrivato il momento di mettere mano al vostro appartamento per dagli una bella rinnovata, non vi resta che ascoltare le vostre esigenze e dare libero sfogo alla vostra fantasia e creatività!

 

Preventivi per ristrutturare casa: come funzionano e cosa c’è da sapere

Tutto sui preventivi per ristrutturazione case: le informazioni e le valutazioni che bisogna fare.

 

Se si vuole ristrutturare casa, sia che si tratti di una ristrutturazione parziale o completa, bisogna sempre considerare una serie di fattori importanti, fra cui ovviamente non può essere dimenticato il preventivo. La ristrutturazione è sicuramente un momento molto importante, volto a migliorare le condizioni della casa e della sua vivibilità, il comfort e la qualità della vita, e che ne aumenta il valore nel caso la si voglia rivendere nell’immediato e in un futuro. 

 

Di certo affrontare una ristrutturazione con la massima sicurezza e tranquillità è un passo importante: questo è possibile affidandosi a un’azienda di professionisti, che dopo un sopralluogo ci forniscano un preventivo in grado di calcolare tutti i costi della ristrutturazione.

 

Ma come funziona fare un preventivo per ristrutturare casa? Vediamo subito tutte le caratteristiche da tenere in considerazione.

🔸🔸🔸

Preventivi per ristrutturare casa: come scegliere quello giusto

 

Quando si decide di affidarsi a un’azienda che ci assista nella ristrutturazione, questa ci fornirà un preventivo che indicherà tutte le cifre relative ai vari lavori. Tuttavia è importante calcolare bene tutti i passaggi di questa fase, poiché il rischio è di ritrovarsi a far fronte a dei costi esorbitanti, ma anche di scegliere di risparmiare, dimenticandosi della qualità! Ecco dunque qualche consiglio per non sbagliare.

 

  • Confrontare più preventivi: la cosa più sbagliata che si possa fare è chiedere un solo preventivo a una singola azienda. Confrontarne di più ci darà una visione ad ampio spettro di tutte le possibilità che abbiamo, ma soprattutto ci permetterà di interfacciarci già in una fase preliminare con dei papabili responsabili dei lavori, potendo dunque valutare la loro serietà e professionalità. Per questo è consigliabile chiedere più preventivi (3 è già un buon numero) ed essere fin da subito sinceri con ogni azienda, spiegando loro che se ne sono chiesti altri.
  • Affidarsi all’azienda migliore: una volta valutati i preventivi bisognerà scegliere a quale azienda affidarsi. In molti, spesso, guardano solo al prezzo, ma la cosa fondamentale sarà essere soddisfatti dei lavori alla fine. Per questo conviene scegliere non solo un costo che sia alla portata, ma soprattutto un team con cui si crei un rapporto di fiducia e che soprattutto mettano in campo tutta la loro professionalità, e che siano in grado di soddisfare a pieno le nostre esigenze. Non c’è cosa peggiore di volare basso e risparmiare per poi ritrovarsi con una casa che non ci piace, e magari dover di nuovo mettere mano a nuovi lavori dopo qualche anno.
  • Fare attenzione alle spese impreviste: spesso molte aziende tendono, in corso d’opera, ad aggiungere altre spese che non si erano calcolate. Per evitare questo è importante chiarirsi bene le idee in merito alla casa e ai lavori necessari, ma soprattutto pretendere fin da subito trasparenza in relazione al rapporto fra lavori e costi, spiegando che il prezzo non sarà modificabile se non per delle varianti richieste in corso d’opera. In questo caso si parla di lavori appaltati a corpo.

🔸🔸🔸

Quanto costa ristrutturare casa: il preventivo

 

I costi sono senza dubbio un fattore chiave quando si decide di ristrutturare casa, e non a caso sono in molti a decidere di eseguire i lavori in autonomia, dedicandosi al fai da te. Certo questa può essere una soluzione, tuttavia questo tipo di lavori sono fattibili soltanto se si parla di un rinnovamento estetico dell’abitazione (a meno che non si abbiano delle competenze specifiche in materia).

 

Alcuni lavori di ristrutturazione, infatti, sono molto più invasivi è per questo è quasi obbligatorio rivolgersi a un’azienda che metta in campo un team di professionisti in grado di far fronte a ogni esigenza. Alcuni esempi possono essere ristrutturare il bagno, gli impianti della casa, gli infissi, rifare completamente i pavimenti, lavori di demolizione e così via.

 

In questi casi rivolgendosi a un’impresa edile sarà possibile beneficiare di un sopralluogo, e in seguito, di un preventivo che indichi tutti i tipi di lavori che andranno svolti al fine di migliorare la casa e la sua vivibilità. Ecco un esempio indicativo di quali potrebbero essere i lavori di una ristrutturazione completa di una casa:

 

  • Opere provvisionali: ad esempio smontaggio dei ponteggi, opere di allestimento del cantiere e così via.
  • Demolizioni: in questo caso si indicano le demolizioni di muri o pareti, porte, pavimenti, scale, finestre e altri elementi.
  • Pavimenti e rivestimenti: includono la posa e la tinteggiatura.
  • Muratura: tutti i lavori di muratura.
  • Infissi e serramenti: qui si calcolano tutti i lavori di posa di porte e finestre interne ed esterne.
  • Impianti: questa voce riporta eventuali lavori all’impianto elettrico, idrico e dell’impianto di adduzione alla rete gas. 

 

Il costo, dunque, dipenderà dall’entità dei lavori che si vogliono fare, ma anche dai materiali scelti, dalla lunghezza dei lavori, dalla metratura della casa e da tanti altri fattori che possono fare la differenza.